Cantine del Castello di Santa Vittoria Cantine del Castello di Santa Vittoria
english >
I nostri vini
Barbera d'Alba
Varietà: Barbera
Classificazione: Barbera d'Alba D.O.C.
Giacitura vigneto: collina esposizione sud-est o est-ovest
Provenienza: zona del Roero Santa Vittoria d'Alba e Guarene
Resa ettaro in uva: 70 ql/ha
Gradazione alcolica: 13,5% vol
Tipologia di terreno: sabbioso argilloso a media e medio alta collina
Sistema di allevamento: controspalliera con potatura guyot
Epoca vendemmia: 3ª decade di settembre
Tipo vendemmia: rigorosamente manuale in ceste da 25 kg circa
Vinificazione e affinamento: la vinificazione è condotta in vasche d'acciao a temperatura controllata (27-28°C). L'affinamento è fatto in acciaio con progressivo e sapiente utilizzo di ossigeno
Imbottigliamento: estate successiva alla vendemmia Affinamento in bottiglia: 4-6 mesi
Commercializzazione: febbraio di due anni succesivi alla vendemmia
Capacità di invecchiamento: 6-7 anni
Conservazione consigliata: bottiglie coricate al buio in cantina fresca e asciutta

Caratteristiche organolettiche

Colore: rosso rubino con riflessi violacei vivaci
Profumo: il profumo è ampio e composito, con sentori fruttati che ricordano la mora, la ciliegia, la fragola e la confettura di frutti rossi; i sentori speziati richiamano la cannella, la vaniglia e il pepe verde. Di buon frutto e piacevoli sensazioni floreali.
Sapore: austero, secco, robusto, ma anche armonico e vellutato. Ottima la sua vena acida e la sua leggera e morbida tannicità
Temperatura servizio consigliata: 15° -16° C
Abbinamento gastronomico: carni rosse e formaggi di medio invecchiamento, ma anche i primi tipici della cultura gastronomica piemontese
Sensazioni finali: fruttate e leggermente ammandorlate


Winemaker: Nicola Fogliati
Nicola Fogliati
barbera d'Alba
Cantine del Castello di Santa Vittoria
Via dello Spumante, 1
12069 Santa Vittoria d’Alba (Cn) Italy
Tel. +39.0172.479300 | Fax +39.0172.475935
P.Iva IT 01089530057 | Note legali
info@cantinesantavittoria.it
Powered by Blulab
Contributi fotografici: Tino Gerbaldo